lunedì 26 settembre 2011

Milano Moda P/E 2012 -parte seconda-

Piazzo Duomo, investita tra il sacro e il profano, tra suore, sacerdoti e fedeli pronti ad entrare in Duomo per l'esordio dell'Arcivescovo Scola
e le fashion peoples su tacchi vertiginosi o scarponcini rigidi senza calze,
canotte, vestiti con tagli poco uniformi e capigliature che ormai diventano delle
vere e proprie sculture...
Troviamo anche i nostri fedelissimi amici del Sol Levante, che amano il Made in Italy, ma da sempre hanno un approccio mistico alle sorprese, posati, seri e sempre tra di loro, ma, per fortuna, vogliono importare le nostre griffes a casa loro...

DOLCE & GABBANA
una sagra sicula dove luci e cibo sono i protagonisti.
Cristalli che sembrano fuochi d'artificio e stampe di peperoni e zucchine con addobbi altrettanto culinari come gli orecchini pasta...






FERRAGAMO
colours and lights
    deve trasmettere gioia al consumatore...
    gonne lunghe, abiti-pareo, vestitoni-oni e top incrociati
      la Donna deve sentirsi libera e felice






MARNI
se ti imbarazza una gonna troppa corta, indossa lo stile Marni che "aggiunge" ovunque le
sottogonne
di organza color carne
che definiscono nuove lunghezze...
Assoluta rivelazione il calzino color caffelatte...





VERSUS
very young and sporting
gonnelle da cheerleaders, abiti da tennista e bluse da ciclista.
A chi piace un look molto frizzante...





LAURA BIAGIOTTI
OMAGGIO A VENEZIA
abiti di seta con stampe che ricordano la Serenissima,
short e bluse con maniche ampie, tute di maglia con orli e ricami che definiscono
il minimo particolare





CK CALVIN KLEIN
"la Donna ha bisogno di comodità senza rinunciare alla seduzione"
tonalità softs con lampi di giallo e rosso
tessuti mischiati: seta_viscosa, seta_polistirene per un capo che non si
sgualcisce
libertà assoluta...







3 commenti:

  1. bellissime!


    xoxo from rome
    K.
    http://kcomekarolina.com/

    RispondiElimina
  2. Grazie Karolina!

    un abbraccio!!!

    Fashion New Bakery

    RispondiElimina
  3. molto carina la sfilata di Marni e il minimalismo di CK. Ho odiato invece Dolce & Gabbana. Perline, frange, fiori, verdura, pizzo, trasparenze, pvc... il troppo stroppia!

    RispondiElimina